Francesco Raparelli

Dottore di ricerca in Filosofia, con una tesi sulla genealogia della nozione di singolarità. Esc, l’atelier autogestito di San Lorenzo a Roma, è la sua casa. Presso Esc, e più in generale nella città di Roma, è animatore della Libera Università Metropolitana. Ha contribuito a fondare e coordina le Camere del Lavoro Autonomo e Precario (CLAP), nuova specie di sindacato orizzontale che tutela lavoratrici e lavoratori senza diritti, ed è redattore del progetto politico-editoriale dinamopress.it. Per i titoli di Ponte alle Grazie ha pubblicato La lunghezza dell’Onda. Fine della sinistra e nuovi movimenti (2009) e Rivolta o barbarie. La democrazia del 99 per cento contro i signori della moneta (2012). In collaborazione con l’Istituto Svizzero di Roma, e per i titoli Mimesis, ha curato un volume collettaneo dedicato a Ferdinand de Saussure: Istituzione e differenza (2014). Ama senza misura la storia, anonima, delle lotte dei poveri e del movimento operaio.

Archivio

Articoli

Qual è il rapporto tra politica e ontologia? Meglio: se democrazia, decisione dei molti, processo aperto e molteplice, senza ordine trascendente né telos (preordinato), è ancora possibile l’ontologia? Non sarebbe forse necessario collocarsi su un terreno propriamente «deontologico»? Se vogliamo prendere sul serio l’apprendistato filosofico di Michael Hardt, condotto seguendo >…

Newsletter

Per essere sempre aggiornato iscriviti alla nostra newsletter

al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlg 196/03