Cesare Pietroiusti

Artista. Co-fondatore del Centro Studi Jartrakor (Roma, 1977) e della Rivista di Psicologia dell’Arte (Roma, 1979). Tra i coordinatori delle residenze Oreste (Paliano e Montescaglioso1997-2000); del progetto Oreste alla Biennale (50.ma Biennale di Venezia, 1999) e del convegno Come spiegare a mia madre che ciò che faccio serve a qualcosa? (Link, Bologna, 1997). Co-curatore del Corso Superiore di Arti Visive della Fondazione Ratti di Como (2006-2012).

Docente di Laboratorio Arti Visive, allo IUAV di Venezia e alla MFA faculty presso LUCAD, Lesley University, Boston. Dal 1977 ha esposto, da solo o con altri, in spazi privati e pubblici, deputati e non, in Italia e all’estero. Negli ultimi anni il suo lavoro si è concentrato soprattutto sul tema dello scambio e sui paradossi che possono crearsi nelle pieghe dei sistemi e degli ordinamenti economici.

www.pensierinonfunzionali.net

Cesare Pietroiusti (1000x667) (2)
Performance di Matteo Fraterno e Cesare Pietroiusti, Body Politics. The Walls of Athens (2009), II Biennale di Atene. Foto: ilmotorediricerca

Archivio

Articoli

Laura Perrone: A distanza di tempo, dovendo pensare criticamente a quello che è stato “Sensibile Comune – Le opere vive” (Galleria Nazionale, 14-22 gennaio 2017), non parlerei né di un’operazione riuscita né, tantomeno, fallimentare. In primo luogo perché non è stata un’operazione determinata, piuttosto un’opportunità per realizzare qualcosa che non è >…

Fra le opere esposte in permanenza presso la Galleria Nazionale di Roma, c’è un grande gruppo scultoreo in terracotta di Arturo Martini, Le sorelle (o le stelle), del 1932. A entrambe le figure della scultura mancano le mani, e a una delle due anche la testa. Che l’incidente sia accaduto >…

Newsletter

Per essere sempre aggiornato iscriviti alla nostra newsletter

al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlg 196/03