IoNoi

Il montaggio degli intervalli di Dziga Vertov

giuliano-lombardo_ionoi-2016-2
Giuliano Lombardo, IoNoi (2016).

Nel realizzare questo breve lavoro audiovisivo – che ho chiamato IoNoi in quanto le tematiche affrontate nel seminario si possono sempre rapportare a questa tensione, a questo spazio, tra l’io e il noi – sono partito da alcuni concetti di Dziga Vertov: l’estensione percettiva e il montaggio degli intervalli. Vertov era promotore di un cinema senza attori e senza sceneggiatura, un cinema che esige la massima inventiva dello spettatore1.

Un cinema che per mezzo del cine-occhio (Kinoki) e del radio-orecchio (Radioucho) si poneva lo scopo di produrre dei cineoggetti (Kinoglaz). Questi oggetti non erano, però, fine a se stessi, ma servivano a «mostrare gli uomini senza maschera e senza trucco, per coglierli con l’occhio della cinepresa nel momento in cui non stanno recitando, per leggere i loro pensieri messi a nudo dalla cinepresa», per mostrare la «verità grazie ai mezzi del Kinoglaz, vale a dire la cineverità»2.

Motivo centrale del concetto vertoviano è quello del mezzo cinematografico come estensione percettiva, al pari del microscopio o del telescopio, un concetto che poi ritroveremo in Bateson3. L’intenzione era, quindi, quella di «usare la cinepresa come un cine-occhio […] per esplorare il caos dei fenomeni visivi che riempiono lo spazio»dando vita ad una «cine-percezione»del mondo4. La camera come strumento di estensione percettiva, dunque uno strumento che viene sussunto nell’apparato percettivo umano il cui funzionamento è risultante dall’interazione tra mente, corpo e ambiente. Un extra-occhio con il quale si può «cogliere la realtà in flagrante». Uno strumento in grado, per esempio, di catturare le «micro-espressioni»facciali invisibili all’occhio umano. Questa delle micro-espressioni fu una scoperta dello stesso Vertov poi teorizzata e applicata da Paul Ekman nella psicologia forense5. Uno strumento potente e anche pericoloso. Maneggiare uno strumento di ripresa audio o video è come maneggiare un’arma. Quando la punti in faccia a qualcuno è normale che questo ti guardi con aria preoccupata: «Attento a quello che fai con quell’arnese!».

Ecco, ho cercato di maneggiare la camera come se maneggiassi un’arma, con cautela, mostrandola pubblicamente e usandola sporadicamente 

Ecco, ho cercato di maneggiare la camera come se maneggiassi un’arma, con cautela, mostrandola pubblicamente e usandola sporadicamente. Ho usato la camera e il registratore audio come strumenti che in qualche modo potessero coadiuvare la mia esplorazione e arricchire la mia esperienza del seminario con la speranza che questo potesse essere utile a far emergere una dimensione altra da quella puramente teorica.

La teoria del montaggio di Vertov si basa sul parallelo tra l’organizzazione delle osservazioni dell’occhio umano e l’organizzazione delle osservazioni dell’occhio (e dell’orecchio) meccanico6. Come per la percezione e la memoria umane «ogni oggetto del Kinoglaz è in continuo montaggio»7. Fondamentale, in questa concezione, è il procedimento costruttivo dal basso, dal materiale girato alla sua forma finale, che per Vertov era considerata sempre provvisoria in linea di principio, in quanto nei suoi scritti è chiaro che intendeva il materiale girato come qualcosa da cui si potesse attingere più volte, come anche lui fece a sua volta con materiali d’archivio girati da altri.

Come osserva Montani, l’intervallo tra le immagini «non è solo il luogo della discontinuità e dello stato di permanente ricostruibilità del mondo visibile, è anche il luogo di uno sdoppiamento costitutivo della visione. Il luogo della visione che nel delegare la sua prestazione a uno strumento tecnico scopre di potervi aprire il lavoro interminabile di uno sguardo critico. […] a questa condizione critica e distanziata partecipano in via di principio l’assunzione dello sguardo altrui e la pluralizzazione degli sguardi: vi partecipa, insomma, l’apertura dell’immagine a quel carattere plurale dello spazio pubblico»8.

Il montaggio, come procedimento di analisi e sintesi successive in vista di un organizzazione del mondo visibile, è concepito come una schematizzazione della realtà, mantenendo un movimento costruttivo che procede dal basso, dal girato alla struttura generale e non viceversa, come nel caso in cui si lavora in base ad una sceneggiatura. Nelle parole di Vertov, la cineverità «è fatta con frammenti di realtà organizzati in soggetto, e non viceversa. Per noi significa che la Kinopravda non prescrive alla vita di svolgersi in conformità con una sceneggiatura letteraria, mentre, invece, essa registra e osserva la vita così com’è e solo dopo ne trae le conclusioni»9. E ancora, «montare significa organizzare i pezzi filmati (le inquadrature) in un cineoggetto, «scrivere» il cineoggetto con le inquadrature girate e non adattare I pezzi filmati alle «scene» (tendenza teatrale) o alle didascalie (tendenza letteraria)»10.

Il procedimento che ho seguito nel montaggio è stato molto simile a quello descritto da Vertov, partendo dalla pulizia di ogni ripresa, alla messa a punto di un montaggio in ordine cronologico di tutto il materiale pulito, individuazione di pezzi di montaggio, di inquadrature di collegamento e reiterazioni successive di eliminazione delle ridondanze per successive semplificazioni e sintesi, ho cercato di ripetere il procedimento mentale dell’organizzazione dei fatti visivi in ricordi. Infatti, il montaggio ininterrotto vertoviano prevedeva una fase in cui «il montaggio è l’inventario di tutti i dati documentari in rapporto più o meno diretto con il tema trattato […] attraverso la scelta e la combinazione dei dati più indicativi il piano tematico si cristallizza, si rivela, si monta». Una seconda fase in cui «il montaggio è il riassunto delle osservazioni […] il piano delle riprese si costruisce come il risultato del lavoro compiuto dall’occhio umano». Infine, con il montaggio centrale si procede al calcolo quantitativo dei gruppi di montaggio e all’unione dei pezzi omogenei del film. La ridistribuzione continua delle inquadrature fino a che tutti non abbiano trovato quell’ordine ritmico che permette ai nessi semantici di coincidere con quelli visivi […]. Questa formula, questa equazione, ottenuta alla fine del processo generale di montaggio […] rappresenta il cineoggetto al 100%, un «vedo» concentrato, un cinevedo11.

Note   [ + ]

1.D. Vertov, Kinoglaz, 1926, e L’uomo con la macchina da presa,1928, in Dziga Vertov, L’occhio della rivoluzione, a cura di Pietro Montani, Mimesis (2011); Tutti i testi di Vertov citati qui in traduzione italiana sono contenuti in questa raccolta.
2.D. Vertov, Nascita del Kinoglaz, 1924.
3.G. Bateson, Mind and Nature: A necessary Unity, Dutton, 1979.
4.D. Vertov, I Kinoki. Un rivolgimento, 1923.
5.P. Ekman, Telling lies: Clues to Deceit in the Marketplace, Marriage and Politics, Norton 2002.
6.D. Vertov, I Kinoki. Un rivolgimento, 1923.
7.D. Vertov, Dal Kinoglaz al Radioglaz, 1929.
8.P. Montani, Introduzione a Dziga Vertov L’occhio della rivoluzione, Mimesis, 2011.
9.D. Vertov, La Kinopravda,1924.
10.D. Vertov, Dal Kinoglaz al Radioglaz, 1929.
11.D. Vertov, Dal Kinoglaz al Radioglaz, 1929.

condividi

Print Friendly

Newsletter

Per essere sempre aggiornato iscriviti alla nostra newsletter

al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlg 196/03