Lo sciopero femminista

Gesti e strumenti dell'insubordinazione delle donne, per cominciare

Aleksandar Srnec_Cover Design for „Svijet“ Fashion Magazine_No. 11_1959_offset_paper_340 x 240 mm_Marinko Sudac Collection (716x1000)
Aleksandar Srnec, Cover Design for „Svijet“ Fashion Magazine No. 11, 1959 - Marinko Sudac Collection.

Che cos’è uno sciopero nell’epoca della vita al lavoro? Quando il lavoro di riproduzione, di cura, di linguaggio, d’affetto esce dalla scena domestica e si piazza al centro dei dispositivi della subordinazione capitalistica? Che cos’è uno sciopero femminista quando le donne non sono più da sole a fare la critica dei generi, dei loro rapporti e delle loro rappresentazioni? Scioperare è assumersi dei rischi. Scioperare è dismettere le narattive social che danno forma allo spazio pubblico dei network. Scioperare è ripensare una teoria dei desideri a partire dal lavoro sessuale. Scioperare è inventarsi un gesto contro il fascismo di Trump. Scioperare è tacere in assenza di parole nuove. Scioperare è ripartire dai corpi e non dalle coscienze. Scioperare è un’arte della vita, che i femminismi hanno da sempre praticato.

Newsletter

Per essere sempre aggiornato iscriviti alla nostra newsletter

al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlg 196/03