A trent’anni dall’«obiezione della donna muta»

Per uno sciopero delle parole

Attila Csernik Collage 1
Attila Csernik, Collage.

Direbbe il mio collega e compagno di strada, che chiedo l’impossibile: scioperare dalla parola.

Siamo linguaggio, non se ne esce.

Eppure.

Vorrei smettere di parlare, quando parlare.

Non è espressione di una vita, di una tensione.

Non è incontro o scontro gioioso, con la sensazione del mondo che si dilata.

È opinione: postura seriosa. Seriosissima. Ma per dire nulla che importi.

È parola richiesta, per avere quel costante rumore di fondo da cui ritagliare notizie e indignazioni.

È competenza professionale: penoso rifugio di soggettività che non contano.

È parola ventriloqua, colonizzata dagli schemi mentali dei progetti, unico modo per avere denaro in cambio della propria prestazione – forse non sex-worker ma senz’altro word-worker.

È parola che serve solo per riconoscere il già detto e già pensato.

Vorrei scioperare quando la parola non sa anche tacere, sospendersi per fare spazio.

Vorrei una parola che sa farsi scioperata. Dissipata, intermittente.

condividi

Print Friendly

Newsletter

Per essere sempre aggiornato iscriviti alla nostra newsletter

al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlg 196/03